Navigation Menu+

Monte Bianco

Posted on Dic 30, 2015 | 0 comments

Dal Film: Bianca

Film diretto da Nanni Moretti, tra l’altro non ho ancora capito se mi piace o meno, e interpretato dallo stesso con Laura Morante. Il personaggio protagonista è grottesco e paradossale e trova le altre persone fuori luogo, quando a sentirsi realmente fuori luogo è lui. Alcuni dialoghi fanno sorridere quanto sono surreali, e il monologo finale è quanto meno da vedere. Il film poi, per fortuna mia, è ricco di dolci. Il dolce in questione è il monte bianco, che in una scena del film appare durante una cena. Mi raccomando fate come dice Nanni, non fate il tunnel…e “continuiamo così, facciamoci del male”.

026 - Bianca Particolare 1

Ingredienti per 10 persone:

700 g Castagne

500 g Latte

20 g Cacao Amaro

50 ml Rhum

1 Bacca di Vaniglia

120 g Zucchero

500 g Panna

30 g Zucchero a Velo

q.b. Marron Glaces

q.b. Meringhe

026 - Bianca Particolare 2

Preparazione

Iniziate incidendo le castagne e posizionandole in una pentola. Ricopritele con dell’acqua e ponete sul fuoco. Cuocete per 30 minuti circa, dipende dalla dimensione delle castagne. Spegnete il fuoco e ancora da calde pelate, facendo attenzione di togliere anche la pellicina interna. Una volta completata questa operazione, ponetele in una pentola con il latte, lo zucchero e la vaniglia, semi più bacca. Fate bollire fino a che le castagne non avranno assorbito completamente il latte. Togliete dal fuoco, eliminate la bacca di vaniglia e con l’aiuto di uno schiaccia patate, schiacciate le castagne in una ciotola. Aggiungete il cacao setacciato e di seguito il rhum. Impastate il tutto e coprite con della pellicola e ponete in frigorifero per almeno un paio di ore. Trascorso il tempo montate la panna con lo zucchero a velo e riempite una sac a poche munita di bocca a stella. Su un piatto da portata fate un ciuffo con la panna e passate nello schiacciapatate l’impasto coprendo la panna. Decorate con dei marron glaces e con dei ciuffi di panna. Per finire sbriciolate delle meringhe sulla superficie.

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *